18/01/2020 ore 07:30
Viabilità: inaugurato il primo tratto della nuova Terni-Rieti, da San Carlo alla statale Valnerina
Si è svolta stamattina la cerimonia di inaugurazione del tratto compreso tra lo svincolo Terni Est e quello per la Valnerina della Terni-Rieti. Alla cerimonia hanno partecipato la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo, il presidente della Provincia Feliciano Polli e il Condirettore generale tecnico dell'Anas Gavino Corazza. I lavori progettati dall’Anas ed eseguiti da un pool di aziende specializzate del settore hanno interessato un tragitto lungo 3,2 km per un importo complessivo di 210 milioni di euro. Il presidente della Provincia Feliciano Polli ha parlato di intervento strategico molto importante per assolvere alle esigenze di potenziamento delle rete viaria nell’ottica dello sviluppo del territorio provinciale. A tale proposito Polli ha sottolineato la fattiva azione fra istituzioni locali e regionali e l’Anas “che ha consentito – ha spiegato – di raggiungere quest’obiettivo che è una prima risposta al territorio e una porzione importante del più complessivo progetto della Terni-Rieti”. Il presidente ha anche evidenziato la necessità di dare organicità alle opere pubbliche in materia viaria in modo che esse possano, una volta completate, rappresentare un veicolo importante di crescita per Terni. Polli ha infatti rimarcato l’importanza del potenziamento della Flaminia ed ha posto l’accento anche sulle problematiche che potrebbero riguardare l’attuale svincolo di San Carlo derivanti dall’apertura del tratto stradale di questa mattina. “Occorrerà potenziare tale svincolo – ha affermato – in modo da trovare soluzioni concrete al problema dell’aumento del traffico nella zona e conseguentemente della sicurezza per chi viaggia”.
“E’ questa un’opera strategica sia per la viabilità regionale che per quella nazionale, utile dunque al sistema Umbria come al Paese”. Con questa parole la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha concluso la cerimonia per l’inaugurazione del nuovo tratto della Terni-Rieti, presente anche l’assessore regionale alle infrastrutture, Silvano Rometti. “Nella sua dimensione finale la Terni-Rieti rappresenterà un altro asse di comunicazione tra il corridoio adriatico e quello tirrenico e costituirà un tassello importante di quella dotazione infrastrutturale viaria di cui l’Umbria ha una forte necessità per poter elevare il suo livello di modernità e mettere al servizio di cittadini e imprese infrastrutture adeguate e in grado di favorire lo sviluppo e la crescita economica”. “In questi anni abbiamo realizzato un stretta collaborazione con l’Anas, sempre attenti e rispettosi delle rispettive funzioni, ma in uno spirito di leale collaborazione per perseguire un comune obiettivo: l’interesse generale e della collettività. Ciò ha consentito anche il rispetto dei tempi della realizzazione di quest’opera e già questo è segno di efficienza della pubblica amministrazione. Ma è anche merito dei lavoratori, di chi con la fatica di ogni giorno ci consente di realizzare opere come questa”. La presidente Marini ha quindi colto l’occasione per ricordare che presto sarà sottoscritta la nuova “intesa” tra Ministero delle infrastrutture e Regione Umbria per la definizione delle priorità delle opere infrastrutturali da realizzare tra le quali vi è la “Terni-Spoleto”, mentre nella riunione svoltasi ieri a Palazzo Chigi sulla vicenda Thyssen Krupp è stato posto il problema di un “aggiornamento” del Patto di Territorio sottoscritto nel 2005, soprattutto per la parte che riguarda gli impegni assunti dal governo per la realizzazione di interventi infrastrutturali. Infine, la presidente ha sottolineato come la nuova arteria Terni-Rieti, che si inserisce in un contesto paesaggistico ed ambientale di grande pregio, sia stata realizzata adottando soluzioni rispettose dell’ambiente.
28/7/2011 ore 13:50
Torna su