29/01/2020 ore 04:58
Arrestato pregiudicato albanese, spacciava cocaina a giovani ternani
Era in Italia da oltre 10 anni, padre di due bambini, aveva anche ottenuto un regolare permesso per lavoro subordinato, ma evidentemente al 37enne albanese, un percorso di integrazione rispettoso delle regole non interessava. I reati commessi dall'uomo cominciano nel 2001, con una prima denuncia per lesioni, poi nel 2006 un’altra denuncia per maltrattamenti in famiglia, nel 2010 viene condannato ad 1 anno ed 8 mesi per reati di droga, condanna che lo porta a vedersi rifiutato il rinnovo del permesso di soggiorno. L'albanese fa immediatamente ricorso, ma intanto viene sorpreso più volte dalla polizia in compagnia di noti tossicodipendenti locali. Nel settembre 2010, gli viene notificato il rigetto del ricorso presentato e viene contestualmente espulso dall’Italia. Due giorni fa gli agenti della IV Sezione Antidroga della Squadra Mobile, lo hanno arrestato dopo un servizio mirato nell’ambito dei controlli finalizzati alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. Lo hanno visto entrare in un’abitazione in zona Campomicciolo e dopo pochi minuti hanno visto entrare nello stesso appartamento un ternano di 29 anni, noto alla polizia come tossicodipendente. Dopo poco, il ragazzo è uscito ed ha raggiunto un’autovettura parcheggiata poco distante con a bordo altre due persone, un ragazzo di 22 anni ed un uomo di 39. Sono stati controllati e trovati in possesso di oltre 4 grammi di cocaina; accompagnati in questura, hanno ammesso di aver acquistato la sostanza stupefacente dall’albanese. I tre sono stati segnalati come assuntori alla locale Prefettura, mentre lo spacciatore è stato arrestato nella sua abitazione, dove è stato trovato in compagnia di giovani ragazze rumene.
27/7/2011 ore 1:13
Torna su