27/01/2020 ore 09:54
Coltivava piante di marijuana in casa sua al quartiere Italia, arrestato 27enne
I carabinieri della stazione di Collescipoli hanno tratto in arresto, per coltivazione di piante atte alla produzione di sostanze stupefacenti, un pluripregiudicato ternano di 27 anni. L’operazione è partita a seguito dell’informazione ricevuta dai militari circa la presenza, in un appartamento nel quartiere Italia, di una piccola piantagione di marijuana. I militari così hanno effettuato vari appostamenti nella zona, per individuare l’appartamento e dopo alcuni giorni hanno appurato che il proprietario era un prluripregiudicato già noto alle forze dell’ordine anche per reati inerenti le sostanze stupefacenti. I carabinieri hanno eseguito una perquisizione domiciliare nel corso del quale hanno rinvenuto e posto sotto sequestro 6 piante di marijuana pronte per la fioritura, dall’altezza variabile tra uno e due metri. Il giovane ha cercato di giustificarsi affermando di aver dato luogo alla coltivazione per allontanare insetti ed altri piccoli animali. Ma i carabinieri non gli hanno creduto e lo hanno arrestatoi ed accompagnato al carcere di Sabbione. Questo episodio - ricordano i carabinieri - conferma ancora una volta che c'è nell'opinione pubblica una diffusa, quanto erronea, convinzione che coltivare anche solo qualche pianta di marijuana non sia un reato. Ciò è del tutto errato poiché il Testo Unico sugli stupefacenti vieta, senza le prescritte autorizzazioni, la coltivazione di qualsiasi pianta che possa produrre sostanza stupefacente. Inoltre la cristallizzata giurisprudenza della Corte di Cassazione ha sancito che anche la coltivazione di poche piante, sia in fiore che ancora non mature, configura il reato, poiché tale condotta è potenzialmente diffusiva del fenomeno della droga.
24/7/2011 ore 5:22
Torna su