12/11/2019 ore 01:32
Terni: Asl e aziende sanitarie in prima linea per celebrare la Settimana Nazionale della Tiroide
La carenza di iodio nell’ambiente in cui viviamo è la causa della grande diffusione delle malattie della tiroide che possono colpire anche il 50% della popolazione ed è responsabile di danni neurologici evitabili come il ritardo intellettivo che si stabilisce già durante la vita fetale. L’Associazione Umbra dei Malati Tiroidei, l’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” e la Asl 4 di Terni, in collaborazione con la direzione scolastica provinciale, hanno promosso in tutti gli istituti scolastici una campagna informativa sull’utilità di integrare il sale iodato nell’alimentazione al fine di prevenire le patologie della tiroide. L’iniziativa si svolge nell’ambito della Settimana nazionale della Tiroide in programma dal 22 al 29 maggio prossimi. Il 25 maggio, inoltre, si celebra la Giornata mondiale della Tiroide e l’équipe della Struttura Complessa di Endocrinologia dell’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” di Terni diretta dal dottor Camillo Giammartino sarà presente in piazza Europa dalle 15 alle 19 per eseguire, ai cittadini che ne faranno richiesta, ecografie tiroidee e per diffondere informazioni e consigli utili. Lo staff medico sarà affiancato dai volontari della Associazione Umbra Malati Tiroidei guidati dal presidente Elio Proietti. Sui benefici per l’organismo derivanti dall’assunzione costante di iodio “il metodo più semplice - spiega il dr. Giammartino - è quello di utilizzare il sale iodato che è il normale sale da cucina a cui è stato aggiunto dello iodio. Il sale iodato si usa al posto del normale sale da cucina per il condimento di cibi crudi e cotti. Lo possono usare tutti, anzi è importante che ne assumano una modica quantità soprattutto i bambini, dallo svezzamento in poi, e durante la gravidanza”. “Durante la gravidanza - prosegue il dr. Giammartino - è necessario per raggiungere il completo sviluppo del cervello del feto e delle sue facoltà. Perché l’organismo abbia lo iodio necessario, basta usare poco sale (3 - 5 grammi al giorno)”. E’ utile ricordare che la legge n. 55 / 2005 prevede che tutti i punti vendita (alimentari e tabacchi) espongano il sale iodato.
L’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” di Terni e l’Asl 4 provinciale hanno definito un gruppo interaziendale per mettere in campo misure più efficaci e diffuse di prevenzione e stilare delle raccomandazioni condivise da trasformare in comportamenti vincolanti circa la appropriata richiesta di prestazioni.
21/5/2011 ore 12:33
Torna su