19/11/2019 ore 13:19
Arrestato un truffatore ternano 47enne che era diventato l'incubo di anziani e commercianti
Era specializzato in truffe. Di vario genere. Ma dopo una lunga caccia è stato fermato dai carabinieri di San Gemini che lo hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Terni. Protagonista un quarantasettenne pluripregiudicato ternano, il quale si era reso responsabile di numerosi furti e truffe a danno di esercizi commerciali di tutta la provincia ternana. L'uomo, raggirando esercenti ignari del suo intento fraudolento, era solito farsi consegnare materiale lasciando a garanzia documenti o carte di credito scadute, oppure con la scusa di voler cambiare banconote di grosso taglio, si faceva consegnare somme variabili tra i 100 e i 500 euro, per poi darsi alla fuga precipitosamente. In tutto, in base a quanto accertato dai militari e da altri comandi di polizia, il soggetto si è reso responsabile di 15 truffe, 2 furti e una rapina, per un valore di 4.000 euro circa, molti in danno di persone appartenenti alla fascia debole.
Il soggetto infatti si documentava prima di colpire le sue vittime, in modo da presentarsi a loro come se le conoscesse da tempo, o fosse comunque parente o conoscente di amici in comune, in modo da poter trarre in inganno le stesse. Difficoltose sono state le ricerche dell'uomo soggetto, in quanto lo stesso, dopo essersi reso irreperibile presso la sua residenza, ha iniziato a girovagare per la regione, trovando riparo presso conoscenti o truffando albergatori presso i quali pernottava senza però pagare il conto al momento di andare via. Al momento dell’arresto l'uomo stava verosimilmente preparando un altro colpo, in quanto i militari hanno rinvenuto e sequestrato un assegno già compilato con un importo di 2.500 euro, risultato smarrito, e con il quale lo stesso avrebbe potuto truffare altre persone. Per lui quindi si sono aperte le porte del Carcere di Vocabolo Sabbione, ove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
21/5/2011 ore 0:54
Torna su