20/11/2019 ore 15:53
Acquasparta: ottima prova degli alunni della "Pertini" al concorso “School Musical Competition “
Si sono classificati in fascia argento al concorso “School Musical Competition “ tenutosi presso l’Auditorium di Acquasparta, i 35 scolari della Scuola Primaria di Narni Scalo “Sandro Pertini”. Come già avvenuto lo scorso anno, si è tenuto nei giorni scorsi il concorso School Musical Competition a cura dell’associazione Fabrica harmonica. Vi hanno partecipato gruppi corali ed orchestrali provenienti dalla Toscana, dal Lazio e dall’Umbria che frequentano corsi musicali, in gran parte a progetto, della scuola dell’obbligo, sia in orario curricolare o anche in orario aggiuntivo.La giuria composta dalla D.ssa Leonella Petrelli funzionario della Provincia di Terni, dai Maestri Mauro Presazzi e Stefano Palamidessi, dalla Direttrice artistica della Civica Scuola delle Arti di Roma Annalisa Pellegrini e da un’insegnante a riposo della Scuola Primaria Simona Bruffa, ha ascoltato attenta, divertita e a tratti commossa le varie esibizioni. Tra loro, un totale di 12 gruppi tra orchestrali e corali, anche i piccoli della Scuola Primaria di Narni Scalo che, molto emozionati, hanno dato il meglio di sé presentando dei canti accuratamente scelti dal Maestro Roberto Mattioni nel repertorio italiano del secolo scorso preparati anche a due voci, tanto si sono impegnati che hanno raggiunto la fascia argento e quindi per poco non sono giunti a disputare la finale. Ma onore al merito! Di fronte a ben agguerriti cori della scuola secondaria di 1° grado e gruppi orchestrali anche di 60 elementi, il risultato ottenuto appare di tutto rispetto. Il merito quindi va riconosciuto ai piccoli, al maestro che li ha diretti e che non è nuovo a queste esibizioni (hanno già presentato canti patriottici in occasione del 150° dell’Unità d’Italia), alle insegnanti e alla Dirigente Scolastica che li hanno accompagnati ed in ultimo è necessario evidenziare che, nonostante le difficoltà in cui versa la scuola italiana, ci sono genitori sensibili che contribuiscono finanziariamente a far sì che i propri figli possano avere l’opportunità di crescere culturalmente anche cantando oltre che “contando e leggendo”. Bravi tutti!
19/4/2011 ore 14:01
Torna su