17/11/2019 ore 00:32
Terni: scattano le targhe alterne, oggi possono circolare solo le auto con targa dispari
Nonostante le piogge cadute tra sabato e ieri, le previsioni meteo per le prossime ore e giorni, che parlano di un miglioramento delle condizioni atmosferiche e di venti deboli, non hanno indotto le autorità comunali a sospendere il provvedimento anti-smog. Quindi rimane confermato il provvedimento relativo all'introduzione delle targhe alterne per oggi e domani. Resta pertanto confermata l'ordinanza del Sindaco emessa giovedì scorso e che autorizza, nella giornata odierna (lunedi) la circolazione degli autoveicoli con targa dispari, mentre domani (martedì 1 febbraio) sarà consentita la circolazione agli autoviecoli con targhe pari. Di seguito l'Ordinanza emessa dal sindaco Leopoldo Di Girolamo:

IL SINDACO
VISTO il D. Lgs. 13 agosto 2010, n. 155, recante “Attuazione della direttiva 2008/50/CE
relativa alla qualità dell’aria ambiente e per un’aria più pulita in Europa”, e in particolare l’art.
11, comma 3, ai sensi del quale i sindaci possono adottare le misure di limitazione della
circolazione di cui all’art. 7, comma 1, lettere a) e b) del D. Lgs. 30.04.1992 n. 285;
VISTI gli articoli 9, 10 e 13 del D. Lgs. 13 agosto 2010, n. 155, in base ai quali le Regioni
adottano piani per la qualità dell’aria, e in particolare l’art. 11 comma 1, lett. a) “criteri per limitare
la circolazione dei veicoli a motore”;
VISTO al riguardo il “Piano regionale di risanamento e mantenimento della qualità dell’aria”,
approvato con Del. Consiglio Regionale 9.2.2005 n. 466, che individua la Conca Ternana come
“area di criticità ambientale” per l’inquinante PM10 (polveri sottili);
VISTO che alla data del 25/01/2011 il numero di giorni progressivi di superamento del valore
limite per la protezione della salute umana del PM10 (50 μg/m3), registrato a partire dal 01/01/2011
della rete di monitoraggio della qualità dell’aria gestita dal dipartimento provinciale ARPA Umbria
di Terni, ha raggiunto quota 19 rispetto ai 35 consentiti dalla legge nell’arco dell’anno solare;
CONSIDERATO che in detto periodo si determinano con più facilità condizioni meteo-climatiche
sfavorevoli alla dispersione in atmosfera degli inquinanti e che nello stesso periodo è più alto
l’incremento del carico inquinante dovuto agli impianti di riscaldamento domestico;
VISTO che il traffico rappresenta una delle principali cause dell’inquinamento atmosferico nel
Comune ed, in particolare, della formazione degli inquinanti primari quali composti organici
volatili, ossidi di azoto, monossido di carbonio, particolato (PM10 e PM2,5);
RITENUTO di dover intervenire a tutela della salute pubblica con provvedimenti limitativi del
traffico veicolare da adottare in modo programmato e permanente dal 31 Gennaio fino al 31 Marzo
2011;
NOTO l’art. 7, c. 1, lett. b) 50 del D. Lgs. 285/92, il quale prevede che nei centri abitati i comuni
possano, con ordinanza del Sindaco, limitare la circolazione di tutte o di alcune categorie di veicoli
per accertate e motivate esigenze di prevenzione degli inquinamenti;
2
ORDINA
1. A partire dal 31 Gennaio 2011 e fino al 31 Marzo 2011 nelle giornate di LUNEDÍ e
MARTEDÍ, in tutto il territorio comunale, ad eccezione delle aree di cui al successivo punto 2,
è introdotta la seguente disciplina limitativa del traffico veicolare:
a)BLOCCO ASSOLUTO DELLA CIRCOLAZIONE NELLE FASCE ORARIE 8,30 –
12,30 e 15,30 – 19,30 per le seguenti tipologie di veicoli:
· Autovetture Euro 0 a benzina non conformi alla direttiva 91/441/CEE e generalmente
immatricolate per la prima volta antecedentemente al 01/01/1993 ed Autovetture diesel
Euro 0 ed Euro1 non conformi cioè alle direttive 91/542 CEE, 94/12 CEE, 96/1 CE,
96/44 CE, 96/69 CE, 98/77 CE generalmente immatricolate per la prima volta
antecedentemente al 01/01/1997;Autoveicoli a benzina e Diesel Euro 0 adibiti a
trasporto merci non conformi alle direttive 91/441/CEE, 93/59/CEE, 91/542 StI CEE e
generalmente immatricolati per la prima volta antecedentemente al 01/01/1993;
· Ciclomotori e motocicli Euro 0 (non conformi alla direttiva 97/24/CE immatricolati prima
del 17/06/1999) ed Euro 1 (ciclomotori non conformi alla direttiva 97/24 CE cap. 5 fase II
immatricolati prima del 17/06/02 e motoveicoli non conformi alle direttive 20020/51/CE -
fase A e 2003/77/CE rif. 2002/51/CE fase – A immatricolati prima del 01/01/2003);
b) LA CIRCOLAZIONE CON IL SISTEMA DELLE TARGHE ALTERNE DI TUTTI I
VEICOLI CATALIZZATI (a Benzina Euro 1-2-3 e Diesel Euro 2-3- 4 ) NELLE FASCE
ORARIE 8,30 – 12,30 e 15,30 - 19,30, con le seguenti modalità:
· Lunedì: Targhe dispari: possono circolare autoveicoli con l’ultima cifra della targa dispari
(1-3-5-7-9);
· Martedì: Targhe pari: possono circolare autoveicoli con l’ultima cifra della targa pari o
uguale a zero (2-4-6-8-0).
2. Le limitazioni alla circolazione di cui al punto 1 si applicano a tutto il territorio comunale,
compresa la Z.T.L., ad eccezione delle seguenti aree territoriali non direttamente gravitanti
all’interno della Conca Ternana:
· Papigno - Marmore – Piediluco e zone limitrofe;
· Papigno - Cascata delle Marmore – Collestatte – Torreorsina - S. Liberatore;
· Papigno – Larviano – Miranda – Pièfossato;
· Val di Serra (dall’abitato di voc. Trevi al confine comunale);
· Collelicino - La Castagna – Cecalocco – Battiferro;
· Cesi scalo – Cesi – Poggio Azzuano – Carsulae;
· Collescipoli – S.P. Collescipolana fino al confine comunale;
le stesse limitazioni non si applicano altresì ai seguenti assi stradali:
· Tratto ternano della E45
· Tratto ternano del raccordo Orte-Terni (fino al confine comunale della S.S. 3 Flaminia);
· Strada dei Confini – Nuovo Raccordo E45.
3. Per consentire il regolare andamento del traffico di attraversamento della Conca Ternana da
parte di automobilisti interessati a spostamenti sovracomunali e/o interprovinciali, le limitazioni
3
di cui al punto 1, lettere a) e b), si applicano esclusivamente agli autoveicoli il cui conducente
abbia la residenza o il domicilio nel Comune di Terni o nei confinanti comuni di Stroncone –
Narni – Sangemini – Acquasparta – Montefranco – Arrone.
4. Sono esclusi dalle limitazioni di cui al punto 1, lett. a) Blocco circolazione mezzi Euro 0
(benzina) ed Euro 0 ed Euro 1 (diesel):
a) veicoli ad emissione nulla (veicoli elettrici), a GPL, a METANO, ibridi, bifuel;
b) veicoli dotati di filtro antiparticolato di serie, la cui installazione ed omologazione risulti nella
carta di circolazione;
c) veicoli pre-Euro guidati da soggetti portatori di handicap con patente B speciale (ex F) e
autoveicoli al servizio di persone invalide muniti del contrassegno di cui all’Art. 381 del
DP.R. 16.12.1992, n. 495;
d) autoveicoli Euro 0 ed Euro 1 ad uso speciale per il soccorso stradale; veicoli Euro 0 ed Euro 1
adibiti al trasporto pubblico collettivo (autobus), compresi i taxi, gli autoveicoli a noleggio
con conducente ed il trasporto collettivo convenzionato di studenti;
e) veicoli pre-Euro delle Forze di Polizia, delle FF.AA., dell'Autorità Giudiziaria, dei VV.F., dei
Corpi e Servizi di Polizia Municipale e del Corpo di Polizia Locale; autoveicoli Euro 0 ed
Euro 1 del Pronto Soccorso e di Enti Pubblici in servizio di controllo ambientale ed igienico –
sanitario;
f) veicoli Euro 0 ed Euro 1 degli Enti Pubblici in servizio per interventi urgenti ed indifferibili
di manutenzione e Protezione Civile;
g) veicoli Euro 0 ed Euro 1 delle aziende incaricate della gestione dei servizi pubblici a rete
(acqua – luce – gas – telefonia) impiegati per il pronto intervento, la manutenzione
straordinaria di impianti pubblici e privati, a servizio delle imprese e dell’utenza civile; veicoli
Euro 0 ed Euro 1 dei dipendenti delle predette Aziende in servizio di pronta reperibilità, per
chiamate d'urgenza, nell'orario di limitazione della circolazione, muniti di certificazione
rilasciata dalla Direzione aziendale di appartenenza, attestante l'orario del servizio di
reperibilità ed avente validità per il tempo strettamente necessario a percorrere il tragitto casalavoro
e viceversa.
Per tali figure professionali le rispettive Aziende dovranno inviare, a mezzo fax, al Comando
Polizia Municipale, possibilmente entro le ore 20.00 del giorno precedente il divieto di
circolazione, l'elenco del personale interessato, a firma del Responsabile del Servizio;
h) veicoli Euro 0 ed Euro 1 utilizzati da medici e veterinari in visita urgente comprovata
mediante autocertificazione e muniti di apposito contrassegno rilasciato dall’ordine
professionale;
i) veicoli Euro 0 ed Euro 1 utilizzati da medici, veterinari ed operatori socio-sanitari in turno di
reperibilità nell'orario di limitazione della circolazione muniti di certificazione, rilasciata dalla
struttura sanitaria di appartenenza, attestante l'orario di reperibilità ed avente validità per il
tempo strettamente necessario a percorrere il tragitto casa-lavoro e viceversa.
Per tali figure professionali le rispettive strutture sanitarie dovranno inviare, a mezzo fax, al
Comando Polizia Municipale, possibilmente entro le ore 20.00 del giorno precedente il divieto
di circolazione, l'elenco del personale interessato, a firma del Responsabile del Servizio;
j) autoveicoli Euro 0 ed Euro 1 dei cortei funebri (con autocertificazione valida 120 minuti)
veicoli di ditte di onoranze funebri per lo svolgimento delle proprie attività.
L'autocertificazione, da esibire su richiesta degli organi di vigilanza, va redatta su carta libera
indicando nome, cognome, data di nascita, targa auto, nome defunto e chiesa interessata;
4
k) veicoli Euro 0 ed Euro 1 adibiti al trasporto di farmaci e prodotti per uso medico, muniti di
apposito contrassegno e veicoli che trasportano attrezzature e merci per il rifornimento di
ospedali e scuole;
l) veicoli Euro 0 ed Euro 1 adibiti alla raccolta dei rifiuti urbani, allo spazzamento delle strade e
veicoli adibiti al trasporto di rifiuti speciali di ditte iscritte all’Albo Nazionale delle imprese
esercenti servizio di smaltimento rifiuti e spurgo pozzi neri o condotti fognari;
m) veicoli Euro 0 ed Euro 1 degli istituti di vigilanza privata e veicoli adibiti al trasporto di valori
e articoli di monopolio a servizio di esercizi commerciali;
n) veicoli Euro 0 ed Euro 1 del servizio postale;
o) veicoli Euro 0 ed Euro 1 utilizzati per il trasporto di persone che si rechino presso strutture
sanitarie per visite specialistiche, terapie ed analisi programmate, in possesso della relativa
certificazione medica e prenotazione riportante giorno e ora della visita;
p) veicoli Euro 0 ed Euro 1 di paramedici e assistenti domiciliari in servizio di assistenza
domiciliare con attestazione rilasciata dalla struttura sanitaria di appartenenza;
q) veicoli Euro 0 ed Euro 1 che debbono recarsi alla revisione obbligatoria o collaudo, muniti
della documentazione di prenotazione rilasciata dal competente ufficio provinciale della
Motorizzazione C.T.C. o dai centri di revisione autorizzati, limitatamente al percorso
strettamente necessario e nell'orario indicato;
r) veicoli Euro 0 ed Euro 1 utilizzati da insegnanti che svolgono attività in più plessi scolastici e
che devono spostarsi da una sede all’altra durante l’orario di limitazione della circolazione. In
tali circostanze i docenti dovranno essere muniti di certificazione rilasciata dal Dirigente
Scolastico di riferimento attestante l’orario di lezione e il tempo strettamente necessario per
recarsi da una sede all’altra;
s) macchine operatrici complesse di portata superiore a 35 q.li (autogru, autopompa per
calcestruzzo, ecc.), nonché autoveicoli impiegati in agricoltura (trattori, macchine operatrici,
ecc.);
5. Sono esclusi dalle limitazioni di cui al punto 1, lett. b) (Targhe alterne mezzi catalizzati
Benzina Euro 1-2-3 e Diesel Euro 2-3-):
a) i veicoli ad emissione nulla (veicoli elettrici), a GPL, a METANO, ibridi, bifuel, veicoli a
benzina Euro 4, veicoli a benzina Euro 5;
b) veicoli diesel Euro 4 dotati di filtro antiparticolato montato di serie, la cui installazione ed
omologazione risulti nella carta di circolazione ed Euro 5;
c) veicoli catalizzati guidati da soggetti portatori di handicap con patente B speciale (ex F) e
autoveicoli al servizio di persone invalide muniti del contrassegno di cui all’Art. 381 del
DP.R. 16.12.1992, n. 495;
d) autoveicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) ad uso speciale per
il soccorso stradale e per trasporto pubblico collettivo (autobus), compresi i taxi, gli
autoveicoli a noleggio con conducente ed il trasporto collettivo convenzionato di studenti;
e) veicoli catalizzati delle Forze di Polizia, delle FF.AA., dell'Autorità Giudiziaria, dei VV.F.,
dei Corpi e Servizi di Polizia Municipale e del Corpo di Polizia Locale; autoveicoli
catalizzati del Pronto Soccorso e di Enti Pubblici in servizio di controllo ambientale ed
igienico – sanitario;
f) veicoli catalizzati degli Enti Pubblici in servizio per interventi urgenti ed indifferibili di
manutenzione e Protezione Civile;
g) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) delle aziende incaricate
della gestione dei servizi pubblici a rete (acqua – luce – gas – telefonia) impiegati per il
5
pronto intervento, la manutenzione straordinaria di impianti pubblici e privati, a servizio
delle imprese e dell’utenza civile; veicoli catalizzati dei dipendenti delle predette Aziende in
servizio di pronta reperibilità, per chiamate d'urgenza, nell'orario di limitazione della
circolazione, muniti di certificazione rilasciata dalla Direzione aziendale di appartenenza,
attestante l'orario del servizio di reperibilità ed avente validità per il tempo strettamente
necessario a percorrere il tragitto casa-lavoro e viceversa.
Per tali figure professionali le rispettive Aziende dovranno inviare, a mezzo fax, al
Comando Polizia Municipale, possibilmente entro le ore 20.00 del giorno precedente il
divieto di circolazione, l'elenco del personale interessato, a firma del Responsabile del
Servizio;
h) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) utilizzati da medici e
veterinari in visita urgente comprovata mediante autocertificazione e muniti di apposito
contrassegno rilasciato dall’ordine professionale;
i) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) utilizzati da medici,
veterinari ed operatori socio-sanitari in turno di reperibilità nell'orario di limitazione della
circolazione muniti di certificazione, rilasciata dalla struttura sanitaria di appartenenza,
attestante l'orario del servizio di reperibilità ed avente validità per il tempo strettamente
necessario a percorrere il tragitto casa-lavoro e viceversa.
Per tali figure professionali le rispettive strutture sanitarie dovranno inviare, a mezzo fax, al
Comando Polizia Municipale, possibilmente entro le ore 20.00 del giorno precedente il
divieto di circolazione, l'elenco del personale interessato, a firma del Responsabile del
Servizio;
j) autoveicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) dei cortei funebri
(con autocertificazione valida 120 minuti) veicoli di ditte di onoranze funebri per lo
svolgimento delle proprie attività. L'autocertificazione, da esibire su richiesta degli organi di
vigilanza, va redatta su carta libera indicando nome, cognome, data di nascita, targa auto,
nome defunto e chiesa interessata;
k) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) adibiti al trasporto di
farmaci e prodotti per uso medico, muniti di apposito contrassegno e veicoli che trasportano
attrezzature e merci per il rifornimento di ospedali e scuole;
l) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) adibiti alla raccolta dei
rifiuti urbani, allo spazzamento delle strade e veicoli adibiti al trasporto di rifiuti speciali di
ditte iscritte all’Albo Nazionale delle imprese esercenti servizio di smaltimento rifiuti e
spurgo pozzi neri o condotti fognari;
m)veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) degli istituti di
vigilanza privata e veicoli adibiti al trasporto di valori e articoli di monopolio a servizio di
esercizi commerciali;
n) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) del servizio postale;
o) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) utilizzati per il trasporto
di persone che si rechino presso strutture sanitarie per visite specialistiche, terapie ed analisi
programmate, in possesso della relativa certificazione medica e prenotazione riportante
giorno e ora della visita;
p) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) di paramedici e
assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare con attestazione rilasciata dalla
struttura sanitaria di appartenenza;
q) macchine operatrici complesse di portata superiore a 35 q.li (autogru, autopompa per
calcestruzzo, ecc.), nonché autoveicoli impiegati in agricoltura (trattori, macchine operatrici,
ecc.);
6
r) veicoli catalizzati che debbono recarsi alla revisione obbligatoria o collaudo, muniti della
documentazione di prenotazione rilasciata dal competente ufficio provinciale della
Motorizzazione C.T.C. o dai centri di revisione autorizzati, limitatamente al percorso
strettamente necessario e nell'orario indicato;
s) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) dei cortei matrimoniali
con autocertificazione valida 90 minuti, redatta su carta libera indicando nome, cognome,
data di nascita, targa auto, nominativo degli sposi e luogo della cerimonia;
t) veicoli catalizzati a benzina (Euro 1-2-3-4-5) e Diesel (Euro 2-3-4-5) degli operatori
dell'informazione per l'esclusivo espletamento delle loro mansioni, purché muniti di tesserino
di riconoscimento;
u) autoveicoli adibiti al trasporto di cose ad uso proprio o ad uso terzi con portata fino a 3,5 t
EURO 2-3 immatricolati dopo il 01/01/1997, nonché autoveicoli adibiti al trasporto di cose
ad uso proprio o ad uso terzi oltre 3,5 t EURO 2-3, generalmente immatricolati dopo il
01/01/1997, per ragioni inerenti strettamente lo svolgimento delle proprie attività;
v) motocicli e ciclomotori EURO 2 generalmente immatricolati, rispettivamente, dopo il
01/01/2003 e dopo 17/06/2002;
6. Al fine di facilitare l’azione di vigilanza è fatto obbligo di esporre i documenti (contrassegno,
certificazione, attestazione, ecc.) comprovanti la deroga di cui ai punti 4 e 5, in maniera ben
visibile nella parte interna del parabrezza anteriore del veicolo. Le autocertificazioni vanno
esibite a richiesta degli organi di vigilanza.
7. Chiunque circola con un veicolo in violazione del punto 1.a) del dispositivo della presente
ordinanza, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 155,00
a euro 624,00 ai sensi del comma 13-bis dell’art. 7 del D. Lgs. 30/04/92, n. 285 e ss. mm. e ii.
8. Chiunque circola con un veicolo in violazione del punto 1.b) del dispositivo della presente
ordinanza, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 80,00 a
euro 318,00 ai sensi del comma 13 dell’art. 7 del D. Lgs. 30/04/92, n. 285 e ss. mm. e ii.
All’esecuzione della presente Ordinanza sono tenute tutte le Forze di Polizia stradale di cui
all’art. 12 del Codice della Strada.
Il presente provvedimento entra in vigore il 31/01/2011 e viene portato a conoscenza della
cittadinanza, compresa quella dei comuni viciniori tramite affissione all’Albo Pretorio del Comune
di Terni, pubblicazione sul sito “www.comune.terni.it” e mediante adeguate azioni informative su
quotidiani locali ed emittenti radio-televisive.
Il Sindaco
(Sen. Leopoldo Di Girolamo)
31/1/2011 ore 0:07
Torna su